Blog: http://RiformistAlchemico.ilcannocchiale.it

De Gustibus...

Di questi tempi, complice la calda stagione, aumento in modo esponenziale il mio consumo di vasetti di yogurt.





Tre sono le mie "marche" peferite, praticamente un ex aequo:

Sterzing Vipiteno, Mila e Merano, tutte e tre altoatesine.




Tutte e tre che si trovano con facilità su (quasi) tutto il territorio nazionale (forse con l'eccezione dello yogurt "Merano", meno frequente degli altri due ma che acquisto tutte le volte che, con la famiglia, siamo a Siusi).

A volte capita che al supermercato o nel negozio alimentare di turno non abbiano una delle tre marche di yogurt suddette. In quel caso la mia scelta ricade invariabilmente su:



YOMO: che mia nonna chiamava YOGO (facendo una curiosa crasi tra Yogurt e Yomo) l'unica marca che mangiassi da ragazzo (e forse non ce n'erano altre).

Il motivo per cui acquisto lo YOMO va ricercato nella volontà di andare a recuperare quei gusti, quei sapori, quei profumi che ho incontrato e apprezzato in gioventù. Una specie di nostalgico "amarcord" culinario. Succede lo stesso anche per certi piatti e pietanze (accade così, ad esempio, con la cosiddetta "vecchia", una sorta di peperonata alla parmigiana che cucinava mia nonna, o con la trippa alla parmigiana, in umido con abbondante parmigiano reggiano, o con le lumache sempre in umido... gusti che mi piacciono di per se stessi ma che, in più mi ricordano momenti culinari propri della mia fanciullezza).

Quando ne parlai, un po' di tempo fa, con un caro amico, mi confessò che lui era usa, di quando in quando, mangiarsi un omogeneizzato, direttamente nello scodellino, perchè quel gusto gli ricordava la sua infanzia ... ... io non sono mai arrivato a tanto ma il senso è quello !!!




Pubblicato il 7/7/2009 alle 14.57 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web