.
Annunci online

RiformistAlchemico
Riforme? Formule alchemiche!


Diario


1 febbraio 2008

Oi Dialogoi, i dialoghi di Ninetto e Falampino: Elezioni anticipate o Governo Istituzionale?

 

Falampino: che dici Ninetto, si va al voto?
 
Ninetto: non saprei dire, io spero che un accordo lo si trovi e si faccia un governo tecnico. sennò le riforme chi cazzo le fa? Fassino? Fini?.
 
Falampino: anche io sono per un governo di pacificazione o di scopo o elettorale, anche se non ho proprio mica capito cosa cazzo significhino 'ste aggettivazioni
 
Ninetto: sono i soliti neologismi da parolai che servono a somministrare al popolo bove qualsiasi ciofecata...
 
Falampino: già... comunque se si va al voto voterò il PD. ho grande fiducia nelle capacità di veltroni e poi mi sembra che abbia creato una squadra di tutto rispetto assieme ai franceschini, ai fassino, a donne del calibro della finocchiaro, di rosy bindi, di luxuria...
 
Ninetto: beh, ma luxuria mica è una donna...
 
Falampino: ma se si trucca ...
 
NInetto: e vabbè, anche berlusconi si trucca ...
 
Falampino: no quello trucca i bilanci ... e non è manco più reato ... che rabbia!!
 
- breve pausa di silenzio tra i due -
 
Falampino: sì, penso proprio che voterò il PD, anche se non ho capito con chi si schiererà. veltroni dice che il PD va da solo, fassino dice che andranno da soli ma non troppo, altri dicono che troveranno qualche intesa elettorale coi partiti di sinistra, altri ancora vorrebbero l'appoggio esterno, che, anche in questo caso non si capisce bene cosa cazzo sia...
 
Ninetto: mi sembra di capire che ti attendi dei voltafaccia circa le dichiarazioni sulle alleanze elettorali del partito democrist... democratico, d'altronde non sono certo i primi voltafaccia che gli esponenti del partito democrist ... democratico ci propinano...
 
Falampino: oh, a cosa ti riferisci, di preciso?
 
Ninetto: beh, guarda le dichiarazioni che tutti gli esponenti di spicco del partito democrist... democratico hanno fatto a giornali e nelle trasmissioni televisive da mesi e fino a poco tempo fa, circa la necessità di andare al voto in caso di caduta di prodi come sono state smentite in questi giorni, che piroette degne del circo barnum, che voltafaccia, che balle ...
 
Falampino: ah, beh, ma quelle erano BALLE ETICHE






30 gennaio 2008

Elezioni subito o Governo Tecnico? Questo è il dilemma...

 




Personalmente spero con tutto il cuore che si addivenga a un accordo e si formi un Governo tecnico supportato da una maggioranza allargata.

Sono convinto infatti che l’attuale legge elettorale vada cambiata e che questo possa essere fatto solo ed esclusivamente da un Governo tecnico istituzionale.

Il Paese ha bisogno di Riforme (curioso, lo diceva ieri sera a Ballarò un tal signor Epifani, dimenticandosi che proprio i sindacati il giorno in cui un Governo aveva coraggiosamente impostato delle riforme radicali, hanno portato 3 milioni di persone in piazza, facendolo cadere e ponendo la parola fine a ogni idea di riformismo nel Paese…),

Riforme che nessuna area politica sembra in grado di poter – voler impostare proprio perché ciascuna compagine sta in piedi grazie al supporto di gruppi politici fortemente conservatori (i comunisti e i verdi, una parte di PD da un lato, UDC, una larga fetta di AN, una parte di FI dall’altro).

A questo punto l’Italia ha una sola chance di vedere realizzate quelle manovre che servono per il suo rilancio:

- liberalizzazioni e fine dei monopoli sull’energia, trasporti, televisione

- riforma del fisco

- riforma del mondo del lavoro

- riforma delle pensioni (vero signor Epifani?)

- federalismo (sia fiscale che geopolitico)

La sola chance è che queste riforme siano condotte da un governo tecnico di unità nazionale (sì, una terminologia che sa di post-bellico).

Ecco perché io spero ardentemente che i partiti trovino un accordo e convergano su di un personaggio tecnico (o politico-istituzionale) e su di una squadra di Governo per le Riforme.

Poi, tutti al voto … e vinca il migliore, anzi, il meno peggiore (e non ditemi che non si dice…).

E’ chiaro che oggi è molto, molto difficile trovare un accordo.

E i motivi sono differenti. L’attuale estrema debolezza del PD e della sinistra in generale, i molti litigi tra e all’interno dei poli, la richiesta da parte delle sinistre dei voti della Lega in sostegno al Senato…

Tra questi, senza dubbio, una sorta di meccanismo di rivalsa nei confronti di Prodi, il quale, nella sua cocciuta arroganza, ha a suo tempo rifiutato la non-disinteressata mano che il centro destra gli tendeva alla luce del sostanziale pareggio elettorale e della prevedibile e prevista ingovernabilità che ne susseguiva (non dimentichiamoci i numerosissimi litigi in seno alle sinistre, le dimissioni di Rossi, la prima caduta del Governo e il successivo Prodi bis, le tante volte che i Senatori a vita hanno sostenuto l’armata BrancaleonProdi, le volte che Prodi è stato salvato in extremis da quel senatore dell’UDC, di AN, di Forza Italia, di La Destra che esce dall’aula, che va a cagare, che c’ha da prendere la medicina, proprio durante un voto …– sono queste le spallate di cui, Senatrice Finocchiaro, andava cianciando ieri a Ballarò?). Oggi, il centro-destra che, a ragione o a torto, si sente la vittoria in tasca, potrebbe non voler accettare un invito al dialogo che non-disinteressatamente la sinistra gli porge!

In ogni caso, temo che gli interessi di parte (legittimi per l’amor di Dio, ma chi guarda al bene del Paese?) possano prevalere su quelli dell’Italia!

sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Sport
Cultura
Politica
Esoteria
Immagini
Oi Dialogoi

VAI A VEDERE

Alice
ApertaParentesi
Arciprete
Barbara
Blue-Highways
Camp*
Carmen - Ninetta
Cercocasa
Daria Veronesi
daw
Desaparecidos
Esperia
Esperimento
Francesco Corbisiero
Giulia Fresca
Il Berretto a Sonagli
Il Giornale
Il Male
Islam Liberale
Jinzo
Liberali per Israele
Luca Bagatin
Maghi Scalzi
Luxor
Malvino
Maralai
Miss Welby
Onde Road
orpheus
Radicons
Rebecca - Kenya
Simone
The Monk
Ugolino
UPL
Valeria alias Piattaforma
Wood
Zecche - Giorgio D'Amato


 

 
 
DIZIONARI E ENCICLOPEDIE
cerca:  
   
 
 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese  
 
 
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   

 

referendum elettorale
 




                                      Italian Blogs for Darfur                                       










Sono, sono stato e rimarrò contrario alla pedofilia, per non parlare degli abusi sui minori

 

Carabiniere di Leva in congedo, sono dalla parte delle Forze Armate, dei CC in particolare

     

Informazione Libera: non assogettari alla stampa di regime




 

 


 

 




Le Sacre Graal



ou le Sangre Real

      Il Sigillum               Il Beaucent


Il Jolly Roger



Il SATOR






Il mio Profilo Politico:
Repubblicano da sempre, il mio profilo politico è quello di un laico, riformista, libertario e radicale. Per questo motivo le mie preferenze oscillano tra:

e

La mia coscienza sociale, civile e politica mi ha fatto optare per l'adesione ai seguenti "progetti", "movimenti" e "aggregatori di blog":

  






 







Un po' di outing:
Sono un uomo dell'Occidente: come Oriana, ne difendo le ragioni





 

Io sto con Israele e non metterò in dubbio le mie idee

 
lo potrei fare solo se:  
1. Il Premier israeliano sospenderà tutte le elezioni e pianificherà un decennio di governo che non potrà essere messo in discussione.
2. Il Premier israeliano sospenderà tutte le inchieste giudiziarie sulle sue attività fiscali e i membri della sua famiglia spenderanno a Parigi i milioni di dollari dati a Israele come aiuti umanitari.
3. Tutte le le televisioni e i giornali israeliani saranno censurati dal partito Likud.
4. Squadracce di assassini israeliani entreranno in Cisgiordania con la precisa intenzione di far saltare in aria donne e bambini arabi.
5. I bambini e adolescenti israeliani saranno addobbati con esplosivi sotto le camicie per andare a uccidere famiglie
palestinesi.
6. Le folle israeliane si precipiteranno in strada per immergere le mani nel sangue dei loro morti e poi marceranno invocando omicidi di massa di palestinesi.
7. I rabbini pronunceranno sermoni pubblici con cui ritraggono i palestinesi come figli delle scimmie e dei maiali.
8. I testi scolastici israeliani diranno che gli arabi fanno sacrifici umani e riti omicidi.
9. I principali politici israeliani, senza che nessuno li rimproveri, invocheranno la distruzione della Palestina e la fine della società araba in Cisgiordania.
10. I membri del partito Likud linceranno e uccideranno, come se fosse normale, e senza processo, i propri oppositori.
11. I fondamentalisti ebrei uccideranno le donne colpevoli di adulterio e resteranno impuniti perché sosterranno di aver salvaguardato l'onore della famiglia.
12. La televisione israeliana trasmetterà - accompagnati da musica patriottica ­ gli ultimi messaggi registrati di assassini suicidi che hanno massacrato dozzine di arabi.
13. I manifestanti ebrei faranno una parata per strada e vestiranno i loro bambini da assassini suicidi.
14. I newyorchesi pagheranno 25 mila dollari di taglia per ogni palestinese ucciso da un assassino israeliano.
15. I militanti israeliani uccideranno un ebreo per sbaglio e poi si scuseranno dicendo che pensavano fosse un arabo, al fine di tacitare la società israeliana.
16. Gli ebrei entreranno nei villaggi arabi di Israele per mitragliare donne e bambini.
17. Le figure pubbliche israeliane, come se fosse una cosa normale, minacceranno di colpire gli Stati Uniti con attacchi terroristici.
18. Bin Laden sarà un eroe popolare a Tel Aviv.
19. Gli assassini ebrei uccideranno diplomatici americani e la società ebraica darà loro ospitalità.
20. I cittadini israeliani celebreranno le notizie secondo cui tremila americani sono stati assassinati.
21. I cittadini israeliani esprimeranno sostegno per i tentativi dei supporter di Saddam di uccidere gli americani in Iraq.
22. Gli israeliani ameranno la morte e gli arabi vorranno bersi in pace un caffé da Starbucks.


Questo pensiero è di Victor Davi Hanson, gentilmente già tradotto da Camillo 
. Ringrazio entrambi. 



 Non posso non sostenere il Governo del Tibet in esilio
 

 

 

20 settembre 2006
Disclaimer & note legali:
Le immagini che vedete sono per lo più tratte da internet. Se recano offesa a qualcuno o se ledono i diritti di chicchessia, me lo si faccia presente che le toglierò immediatamente.
In questo blog mi arrogo il diritto di trattare qualunque argomento frivolo o profondo a seconda del mio stato d'animo del momento. In questo blog c'è posto per tutti, i commenti non vengono vagliati ne censurati per cui non posso essere responsabile delle eventuali baggianate che utenti terzi e/o anonimi possano avere scritto costì.
Se a qualcuno passasse per l'anticamera del cervello che questo blog possa essere assimilato a una testata giornalistica, si faccia immediatamente curare.
L'autore di questo blog si riserva il diritto di contraddirsi. Questo valga in qualsiasi momento e per qualsivoglia argomento.
Auguro buona lettura a tutti e grazie per essere passati di qua. 

Per ogni informazioni rivolgersi a riformistalchemico@yahoo.it

 


 

CERCA