.
Annunci online

RiformistAlchemico
Riforme? Formule alchemiche!


Diario


27 settembre 2006

Chi conosce gli aspetti esoterici della Città de L'Aquila?

Chi conosce gli aspetti "esoterici" della città de L'Aquila? Modifica questo articolo
Elimina questo articolo

Pubblico una serie di articoli che non recano la mia firma, tratti per lo più da internet e inerenti ai contenuti esoterici "nascosti", ma non troppo, nella pianta geografica della città de L'Aquila, capoluogo abruzzese e in alcuni monumenti storici della stessa città (primo fra tutti la meravigliosa abbazia di collemaggio).

di Isa Grassano
L'Aquila fu edificata in modo che le sue chiese disegnassero a terra la Costellazione omonima in cielo, in una replica precisa. La rivelazione, non si legge in un libro di Dan Brown che, nel suo Codice da Vinci, ci ha abituato a fitti misteri, ma arriva dal giovane Luca Ceccarelli, da sempre appassionato di storie e intrighi.

È lui l'autore (insieme a Michele Proclamato e Paolo Cautilli) del libro
La Rivelazione dell'Aquila (si può acquistare in città o sul sito www.ilcapoluogo.it ), in cui si racconta il capoluogo abruzzese in una maniera diversa da come siamo abituati a conoscerlo.

Fino a ieri la città è stata legata al binomio con "il numero 99" (ogni persona racconta di 99 castelli, 99 chiese, 99 piazze e 99 fontane e un altro elemento dà ancora più colore alla leggenda: l'orologio della torre di Palazzo Margherita suona 99 rintocchi; spesso si tratta di numeri di fantasia, ad esempio le chiese sono circa una sessantina), ma oggi si presenta con una nuova chiave: le basiliche, le strade e le pietre svelano un mondo misterioso, fatto di significati simbolici pagani, massonici ed esoterici. Perché mai ridisegnare proprio lo schema celeste che porta (o dà) il nome al territorio urbano? Sull'interrogativo i tre giovani studiosi hanno lavorato per molti mesi per approfondire e verificare sul campo questa affascinante scoperta: "L'immagine originale della costellazione della stella Altair si "specchia" sulle chiese cittadine e sei punti su sei combaciano perfettamente".

Non ha dubbi Ceccarelli, che aggiunge: "Sovrapponendo le due immagini e posizionando la stella centrale "Deneb el Okab" sul Duomo che è il centro, si vede chiaramente come Altair, corrisponde perfettamente con la basilica di San Bernardino e poi, in senso orario, Santa Giusta (con la stella 6781), quindi Collemaggio, la fontana delle 99 Cannelle e San Silvestro".

Ma non solo. Le felici intuizioni dei tre studiosi non si fermano qui. Per loro la città era destinata a diventare una nuova Gerusalemme. Almeno questa fu l'idea del suo fondatore, Federico II di Svevia, che voleva farne una nuova capitale spirituale. "Fu lo storico Crispomonti - continua Ceccarelli - a parlare per primo della straordinaria somiglianza della città Santa con il disegno delle mura dell'Aquila. Noi, osservando attentamente le due piante, abbiamo evidenziato altri particolari. Il fiume Cedron scorre nella parte bassa della città, così come l'Aterno per l'Aquila. Le due città sorgono entrambe su colline, l'Aquila a 721 metri sul livello del mare e Gerusalemme a poco più, 750 metri. Verso nord c'è il monte del Tempio di Salomone come da noi c'è Collemaggio. E, infine, la piscina di Siloe (citata nella Bibbia come il luogo dove Gesù compì il miracolo della restituzione della vista) è localizzata esattamente come la Fontana delle 99 Cannelle: entrambe sono opere di ingegneria idraulica e entrambe sono adiacenti ad una porta muraria".

E allora, con Ceccarelli, come Cicerone d'eccezione siamo andati sui luoghi più noti, per scoprire le verità più nascoste (ogni sabato, alle 15.30, si organizza "il Tour dei Misteri", al costo di 10 euro a persona, info: Welcome Point, piazza Duomo, & 0862-22312 www.centrostorico.laquila.it ). Ad iniziare dalla Fontana delle 99 Cannelle, di forma trapezoidale, bella nella sua architettura e nella sua lineare scenografia, che sorge in una zona detta Rivera per l'abbondanza di acqua.

Ed eccoli i turisti a contare i mascheroni: "ma sono solo 93?". "Infatti - precisa ancora Ceccarelli - il fatidico numero si raggiunge grazie alle sei cannelle, prive di maschere, situate in basso a destra dell'ingresso. La leggenda vuole che ognuno dei castelli che aveva contribuito alla fondazione della città avesse condotto fino a qui una cannella con la propria acqua, ma questo è l'aspetto più comune. Noi abbiamo passato al setaccio ogni pietra, andando a scavare nella storia del monumento. Da sempre è stata usata come lavatoio pubblico, per noi, invece, rappresenta un tempio di iniziazione cavalleresca dei Cistercensi, quei grandi conoscitori dei segreti della scienza, dell'astronomia e dell'ingegneria di cui i Templari furono il braccio armato".

Ogni figura è diversa l'una dall'altra, ma a catturare l'attenzione è la pietra angolare che rappresenta l'uomo pesce, o meglio Colapesce, personaggio della mitologia, e tiene sotto controllo tutto il monumento. Solo a lui è concesso di vedere tutte le altre facce. E se ci si mette all'angolo esatto, si ha una visione completa di tutta la fontana.

Un'altra delle tappe importanti del percorso del mistero è la Basilica di San Bernardino, che corrisponde, si è visto, alla stella di Altair. Monumentale la costruzione, la cui facciata si innalza maestosa e sembra fondersi in un tutt'uno con il cielo. "Io e i miei amici - continua Ceccarelli - più volte ci siamo soffermati sul trigramma bernardiniano IHS e chiesti a cosa corrispondesse il PHS, posto sullo stemma cittadino. Qualcuno ritiene che possa essere un'errata trascrizione dell'IHS. Forse potrebbe significare Priuree Honorable Sion, il celebre Priorato di Sion, l'antichissima associazione segreta che ordinò la formazione dei Templari e, secondo alcuni, fu custode del Santo Graal".

E il filo conduttore dei Templari si ritrova in un altro luogo denso di fascino, fuori dal centro storico: la Basilica di Collemaggio, esempio superbo di romanico-gotico che da sola vale il viaggio, ma anche, sotto questa nuova luce, concentrato di simbologia esoterica. Qui fu nominato Papa Pietro da Morrone, con il nome di Celestino V (identificato dai più come il personaggio citato da Dante, nell'Inferno, canto III, 58-60, "colui che fece per viltà il gran rifiuto").

La basilica, la cui facciata è ornata di decorazioni geometriche in pietra bianca e rossa, scandita da tre portali e tre rosoni, è da tutti conosciuta per avere la Porta Santa, la prima al mondo, dove il Papa, dal 1295, donò l'indulgenza della Perdonanza, anticipatrice degli Anni Santi (a fine agosto una festa rivive questo particolare rito). "Le rosa-croci, simbolo dei templari - conclude Ceccarelli -decorano la facciata, inoltre si può notare anche una quadratura a specchio di alcune pietre bianche che ricordano quelle del Tempio di Salomone a Gerusalemme. All'interno sul Mausoleo, dove è custodito il corpo del Papa, sono ben visibili i sigilli di Re Davide e di Re Salomone. Tutto ciò avvalora la tesi che il disegno di Federico II di far nascere una nuova capitale spirituale, fuori dei confini dello stato pontificio, fosse stato ripreso da Celestino V. E, forse, a suggellare questo stretto rapporto con l'Aquila, il papa volle celebrare il pontificale in città: fu la prima volta, al di fuori di Roma".

Tratto dal sito: www.ilcapoluogo.it




permalink | inviato da il 27/9/2006 alle 18:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 673538 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Sport
Cultura
Politica
Esoteria
Immagini
Oi Dialogoi

VAI A VEDERE

Alice
ApertaParentesi
Arciprete
Barbara
Blue-Highways
Camp*
Carmen - Ninetta
Cercocasa
Daria Veronesi
daw
Desaparecidos
Esperia
Esperimento
Francesco Corbisiero
Giulia Fresca
Il Berretto a Sonagli
Il Giornale
Il Male
Islam Liberale
Jinzo
Liberali per Israele
Luca Bagatin
Maghi Scalzi
Luxor
Malvino
Maralai
Miss Welby
Onde Road
orpheus
Radicons
Rebecca - Kenya
Simone
The Monk
Ugolino
UPL
Valeria alias Piattaforma
Wood
Zecche - Giorgio D'Amato


 

 
 
DIZIONARI E ENCICLOPEDIE
cerca:  
   
 
 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese  
 
 
DIZIONARIO di ITALIANO
cerca:  
   

 

referendum elettorale
 




                                      Italian Blogs for Darfur                                       










Sono, sono stato e rimarrò contrario alla pedofilia, per non parlare degli abusi sui minori

 

Carabiniere di Leva in congedo, sono dalla parte delle Forze Armate, dei CC in particolare

     

Informazione Libera: non assogettari alla stampa di regime




 

 


 

 




Le Sacre Graal



ou le Sangre Real

      Il Sigillum               Il Beaucent


Il Jolly Roger



Il SATOR






Il mio Profilo Politico:
Repubblicano da sempre, il mio profilo politico è quello di un laico, riformista, libertario e radicale. Per questo motivo le mie preferenze oscillano tra:

e

La mia coscienza sociale, civile e politica mi ha fatto optare per l'adesione ai seguenti "progetti", "movimenti" e "aggregatori di blog":

  






 







Un po' di outing:
Sono un uomo dell'Occidente: come Oriana, ne difendo le ragioni





 

Io sto con Israele e non metterò in dubbio le mie idee

 
lo potrei fare solo se:  
1. Il Premier israeliano sospenderà tutte le elezioni e pianificherà un decennio di governo che non potrà essere messo in discussione.
2. Il Premier israeliano sospenderà tutte le inchieste giudiziarie sulle sue attività fiscali e i membri della sua famiglia spenderanno a Parigi i milioni di dollari dati a Israele come aiuti umanitari.
3. Tutte le le televisioni e i giornali israeliani saranno censurati dal partito Likud.
4. Squadracce di assassini israeliani entreranno in Cisgiordania con la precisa intenzione di far saltare in aria donne e bambini arabi.
5. I bambini e adolescenti israeliani saranno addobbati con esplosivi sotto le camicie per andare a uccidere famiglie
palestinesi.
6. Le folle israeliane si precipiteranno in strada per immergere le mani nel sangue dei loro morti e poi marceranno invocando omicidi di massa di palestinesi.
7. I rabbini pronunceranno sermoni pubblici con cui ritraggono i palestinesi come figli delle scimmie e dei maiali.
8. I testi scolastici israeliani diranno che gli arabi fanno sacrifici umani e riti omicidi.
9. I principali politici israeliani, senza che nessuno li rimproveri, invocheranno la distruzione della Palestina e la fine della società araba in Cisgiordania.
10. I membri del partito Likud linceranno e uccideranno, come se fosse normale, e senza processo, i propri oppositori.
11. I fondamentalisti ebrei uccideranno le donne colpevoli di adulterio e resteranno impuniti perché sosterranno di aver salvaguardato l'onore della famiglia.
12. La televisione israeliana trasmetterà - accompagnati da musica patriottica ­ gli ultimi messaggi registrati di assassini suicidi che hanno massacrato dozzine di arabi.
13. I manifestanti ebrei faranno una parata per strada e vestiranno i loro bambini da assassini suicidi.
14. I newyorchesi pagheranno 25 mila dollari di taglia per ogni palestinese ucciso da un assassino israeliano.
15. I militanti israeliani uccideranno un ebreo per sbaglio e poi si scuseranno dicendo che pensavano fosse un arabo, al fine di tacitare la società israeliana.
16. Gli ebrei entreranno nei villaggi arabi di Israele per mitragliare donne e bambini.
17. Le figure pubbliche israeliane, come se fosse una cosa normale, minacceranno di colpire gli Stati Uniti con attacchi terroristici.
18. Bin Laden sarà un eroe popolare a Tel Aviv.
19. Gli assassini ebrei uccideranno diplomatici americani e la società ebraica darà loro ospitalità.
20. I cittadini israeliani celebreranno le notizie secondo cui tremila americani sono stati assassinati.
21. I cittadini israeliani esprimeranno sostegno per i tentativi dei supporter di Saddam di uccidere gli americani in Iraq.
22. Gli israeliani ameranno la morte e gli arabi vorranno bersi in pace un caffé da Starbucks.


Questo pensiero è di Victor Davi Hanson, gentilmente già tradotto da Camillo 
. Ringrazio entrambi. 



 Non posso non sostenere il Governo del Tibet in esilio
 

 

 

20 settembre 2006
Disclaimer & note legali:
Le immagini che vedete sono per lo più tratte da internet. Se recano offesa a qualcuno o se ledono i diritti di chicchessia, me lo si faccia presente che le toglierò immediatamente.
In questo blog mi arrogo il diritto di trattare qualunque argomento frivolo o profondo a seconda del mio stato d'animo del momento. In questo blog c'è posto per tutti, i commenti non vengono vagliati ne censurati per cui non posso essere responsabile delle eventuali baggianate che utenti terzi e/o anonimi possano avere scritto costì.
Se a qualcuno passasse per l'anticamera del cervello che questo blog possa essere assimilato a una testata giornalistica, si faccia immediatamente curare.
L'autore di questo blog si riserva il diritto di contraddirsi. Questo valga in qualsiasi momento e per qualsivoglia argomento.
Auguro buona lettura a tutti e grazie per essere passati di qua. 

Per ogni informazioni rivolgersi a riformistalchemico@yahoo.it

 


 

CERCA